L'astrologia

 

Per i Rosacroce, l’Astrologia è una Scienza Sacra, tramite la quale è possibile scorgere il Volere di Dio a favore dell’evoluzione dell’uomo e del cosmo. Scienza antichissima, che fa riferimento all’influenza dei corpi celesti sul mondo, sull’uomo e sulla previsione di avvenimenti futuri. Possono congetturarsi gli avvenimenti costruendo un oroscopo da diversi punti di vista: mondano, riferentesi alle sorti delle nazioni; orario, concernente la soluzione di dubbi su qualsiasi argomento; natale, nella sua applicazione sul destino e il carattere degli individui.

È una scienza esatta, nonostante anche il migliore astrologo possa sbagliarsi nell’interpretazione; errare, infatti, è umano. Le stelle indicano esattamente il periodo di vita che i Signori del Destino hanno scelto per l’uomo, allo scopo di permettergli di pagare i propri debiti e di riscuotere i propri crediti; evadere dall’impegno è fuori dal potere dell’uomo. Tuttavia, il libero arbitrio dell’uomo si esprime in qualsiasi momento, accettando e vivendo gli insegnamenti che quotidianamente la vita gli propone.

Essendo il destino costruito dal pregresso comportamento dell’individuo, in ultima analisi egli ne è l’artefice: egli quindi ha in sé anche il potere e il diritto di mutarlo, entro certi limiti, se il suo comportamento si converte nella retta direzione. I dodici segni dello zodiaco corrispondono al quadrante di un orologio; il Sole e i pianeti alle lancette delle ore, che indicano l’anno; e la Luna alla lancetta dei minuti, che indica i mesi dell’anno nei quali i diversi avvenimenti del destino maturo debbono compiersi.

Una variante dell’astrologia “classica” è l’astrologia Umanistica; si definisce Astrologia Umanistica quella particolare ed interessante forma di astrologia ideata da Dane Rudhyar e che cerca di integrare e sostanziare la disciplina astrologica da un lato con i contenuti della psicologia analitica di C.G. Jung e della psicologia umanistica di A. Maslow, e dall’altro con la concezione filosofica dell’uomo e del mondo propria dell’olismo.