IL POEMA REGIO _MANOSCRITTO HALLIWELL (1390)

Il manoscritto Regius è il più antico testo muratorio inglese finora rinvenuto. È scritto in inglese medioevale, costituito da 794 versi in rima baciata, ed i paleografi del British Museum di Londra lo fanno risalire al 1390. È custodito nella British Library della capitale inglese,

contraddistinto dal numero 17 A 1. Costituisce, probabilmente, una trascrizione di copie anteriori. Fu pubblicato nel 1840 da James O. Halliwell-Phillipps, e successivamente nel 1844, con il titolo di The Early History of Freemasonry in England.

Il carattere massonico dell'opera fu scoperto dallo stesso Halliwell, che pure non era un libero muratore. Il manoscritto in precedenza era catalogato come un poema di regole morali.

Le comuni denominazioni di Regius Manuscript o di Poema regius sono state date al volume perché esso faceva parte della biblioteca reale, iniziata tra la fine del XV secolo e il principio del XVI da Enrico VII, fondatore della dinastia dei Tudor, e donata al British Museum nel XVIII secolo da Giorgio II.

Gli americani designano solitamente il testo come Halliwell Manuscript.

Il libro è costituito da pagine di circa quattro pollici per cinque e mezzo, ossia approssimativamente di dieci centimetri per quattordici. È scritto su pergamena di grana molto fine e fu rilegato - cosi come oggi lo si conserva - probabilmente intorno al 1838.

La copertina del testo reca su entrambe le facce le insegne reali di Giorgio II e la data del 1757: anno nel quale il re, con un atto convalidato dal Sigillo della Corona d'Inghilterra, donò, come già accennato, la biblioteca del suo palazzo, contenente il manoscritto, al British Museum.

Precedentemente il volume era di proprietà di John Theyer, un erudito collezionista di libri del XVII secolo, originario del Gloucestershire.

Il testo è menzionato per la prima volta nel 1670, in un inventario della biblioteca di costui.

Fu venduto, pochi anni dopo, ad un libraio di Londra, Robert Scott; ed infatti se ne trova indicazione in un inventario delle disponibilità librarie di quest'ultimo, compilato nel 1678.

Si reputa che il Regius sia pervenuto alla casa regnante inglese per la vendita fattane dallo Scott a Carlo II vissuto dal 1630 al 1685 e salito al trono nel 1651. Si sa di certo che entrò a far parte della biblioteca reale e che vi rimase sino al 1757, anno in cui - come già abbiamo visto - Giorgio II ne fece dono al British Museum.

Nel Catalogous Manuscriptorum Angliae del Bernard, pubblicato ad Oxford del 1697, il volume è menzionato a pag. 200 del repertorio, tra i libri della biblioteca reale. Nel suo Catalogue of the Manuscripts of the Old Royal Library, stampato nel 1734, David Casley lo annovera similmente, classificandolo come Poem of Moral Duties.

Non si può sapere con certezza come il manoscritto sia pervenuto a John Theyer, suo primo proprietario di cui si abbia notizia incontrovertibilmente documentata. Knoop, Jones e Hamer hanno formulato l'ipotesi che, prima dello scioglimento dei monasteri decretato da Enrico VIII appartenesse al priorato di Lanthony, che aveva giurisdizione religiosa nel Gloucestershire. L'ultimo priore di Lanthony, andato ad abitare con una sorella, avrebbe portato con sé i più preziosi manoscritti del priorato. Questa sorella del priore era bisnonna di John Theyer, che avrebbe avuto il Regius in eredità con altri manoscritti. Trovatosi cosi in possesso di una già cospicua collezione, il Theyer l'avrebbe poi arricchita con nuovi acquisti per la sua passione di erudito bibliofilo.

La tesi non può essere respinta; ma non può nemmeno essere accettata per assolutamente veritiera, mancando di documentazione probante. Va però riferita, giacché potrebbe essere avvalorata da ulteriori più approfondite ricerche o da documenti di rinvenimento casuale.

Si è detto che il contenuto massonico del documento fu scoperto soltanto nel XIX secolo.

È opportuno ricordare adesso più dettagliatamente che questo avvenne quando il già citato James O. Halliwell-Phillipps ne parlò nella sua memoria On the Introduction of Freemasonry into England, presentata alla Società degli Antiquari nella sessione 1838-1839.

Il manoscritto è redatto con il caratteristico stile del periodo al quale appartiene, in una lingua tanto notevolmente diversa dall'inglese moderno che Roderick H. Baxter, che fu Maestro Venerabile della Loggia di ricerca Quatuor Coronati di Londra e presidente dell'Associazione per la ricerca massonica di Manchester, ritenne opportuno divulgarlo dopo un'accorta e paziente modernizzazione del testo, per renderne agevole la lettura e la comprensione.

Numerosi sono gli studi condotti, con maggiore o minore sviluppo, sul Poema regio. Fra questi rimane ancor oggi fondamentale quello pubblicato nel 1889 nel primo volume della raccolta Antigrapha della Loggia Quatuor Coronati di Londra.

Nel novembre del 1914, Baxter lesse in una Loggia di ricerca di Leicester un'importantissima

tavola da lui scolpita sull'argomento e i brani essenziali di essa sono riportati alla voce Halliwell Manuscript nel primo volume dell'Encyclopedia del Mackey: voce che include anche e completa la già menzionata trascrizione Baxter del Poema regio in inglese modernizzato.

Il Poema regio è costituito da due parti, variamente articolate.

La prima parte si estende per 496 versi ed è suddivisa in due ampie trattazioni:

1) l'una storica, che espone la fondazione della Massoneria operativa in Egitto ad opera di Euclide (vv. 1-57) e la diffusione successiva dell'Arte sino alla sua introduzione in Inghilterra nel X secolo, ai tempi del re Atelstano, che ne sanziona solennemente le costituzioni (vv.

58-86);

2) l'altra normativa, estesa tra i vv. 87 e 496, divisa a sua volta in quindici articoli (vv. 87-260), in quindici punti (vv. 261-470) e in un decreto a sé stante, relativo all'assemblea generale dei massoni con la presenza dei più eminenti signori del luogo (vv. 471-496).

La seconda parte, che comprende i vv. 497-794, è costituita da una lunga appendice contraddistinta dal titolo unico Ars quatuor coronatorum, articolata in elementi derivati da narrazioni di fede, da cognizioni di comune diffusione in quell'epoca, da prescrizioni religiose e da regole di comportamento civile:

1) la leggenda dei Quattro Coronati (vv. 497-534);

2) la leggenda della torre di Babele (vv. 535-550);

3) l'istituzione delle arti liberali da parte di Euclide (vv. 551-576);

4) i doveri verso la Chiesa (vv. 577-692);

5) le buone maniere nella vita in comunione e nelle varie evenienze della convivenza sociale

(vv. 693-794).

 

 

QUI COMINCIANO LE COSTITUZIONI DELL’ARTE DELLA GEOMETRIA SECONDO EUCLIDE.

[Hic incipiunt constituciones artis gemetriae secundum Euclydem].

 

Chiunque saprà bene leggere e vedere

Potrà trovarle scritte nell’antico libro

Di grandi signori ed anche di signore,

Che ebbero molti figli insieme, con certezza.

E non avevano rendite per mantenerli.

Né in città, né in campagna, né in boschi recinti;

Essi presero insieme una decisione

Di stabilire per la salvezza di questi fanciulli

Come essi potessero meglio sopportare la vita

Senza grandi malattie, affanni e lotte

E, principalmente, per la moltitudine dei figli

Che sarebbe venuta dopo la fine loro.

Essi li mandarono presso grandi maestri

Che insegnassero loro a bene operare.

E preghiamo loro, per amor di nostro Signore

Che sia dato ai nostri figli qualche lavoro

Che permetta loro di vivere

Bene e onestamente, in piena sicurezza.

In quel tempo, mediante buona geometria

Questa onesta arte di buona muratoria

Fu stabilita e fatta in questo modo:

Coll’imitare questi maestri, insieme

Alle preghiere di questi signori essi dimostrarono la geometria.

E dettero il nome di muratoria

All’arte più onesta di tutte.

Questi figli di signori si misero d’impegno

Per imparare da lui l’arte della geometria

Che egli praticava con zelo.

Per le preghiere dei padri e delle madri

Egli li ammise a questa onesta arte.

Egli era il più grande erudito ed era onesto

E superava lo zelo dei suoi compagni

Poiché in quell’arte egli oltrepassava gli altri

E avrebbe conseguito più prestigio.

Il nome di questo grande saggio fu Euclide,

Il suo nome spande piena e ampia meraviglia.

Inoltre, questo grande maestro ordinava

A chi era più in alto in questa scala

Che insegnasse a chi era meno dotato

A essere perfetto in quella onesta arte.

E così ciascuno insegnava all’altro

E si amavano l’un l’altro come fratello e sorella.

Inoltre egli ordinò che

Lo si chiamasse Maestro,

In modo che chi fosse il più degno

Fosse chiamato così.

Ma i muratori non si dovevano chiamare l’un l’altro,

Nell’arte e fra di loro,

Né soggetto, né servo, ma caro fratello.

Anche se uno non era perfetto come l’altro

Doveva ciascuno chiamare l’altro compagno

Perché essi erano di buona nascita.

In questo modo, mediante la buona conoscenza della geometria

Ebbe origine l’arte della muratoria.

Il maestro Euclide in questo modo fondò

Quest’arte di geometria in terra d’Egitto.

In Egitto egli ampiamente insegnò,

E in diverse terre da ogni parte,

Molti anni dopo ho saputo,

Prima che l’arte venisse in questo paese.

Quest’arte venne in Inghilterra, come vi dico,

Al tempo del buon re Atelstano.

Egli fece sia sale che loggiati

E alti templi di grande prestigio

Per compiacersi sia di giorno che di notte

E onorare il suo Dio con tutte le sue forze.

Questo buon signore amò grandemente quest’arte

E si propose di consolidarla da ogni lato

Perché aveva trovato vari difetti in essa.

Egli mandò a dire in tutto il paese,

A tutti i Muratori dell’arte,

Di andare da lui immediatamente

Per correggere tutti questi errori

Col buon consiglio, se poteva essere dato.

Fece fare allora una assemblea

Di vari signori, secondo il loro stato:

Duchi, conti e anche baroni,

Cavalieri, gentiluomini e molti altri

E i maggiori cittadini di quella città;

Essi erano tutti là secondo il loro grado.

Quelli erano là secondo i propri mezzi

Per stabilire la condizione di questi Muratori.

Là essi cercavano col loro intelletto

Come poterli governare.

Quindici articoli essi cercarono

E quindici punti essi elaborarono.

 

 

 

QUI COMINCIA IL PRIMO ARTICOLO

Il primo articolo di tale geometria:

Il maestro muratore deve essere pienamente sicuro

Risoluto, fidato e sincero.

Di questo egli non si pentirà mai.

E paghi i suoi compagni secondo il costo

Del mantenimento, voi lo sapete bene,

E paghi loro il giusto secondo coscienza,

Ciò che possono meritare.

E non assuma più uomini

Di quanti possa adoperare

E non si lasci corrompere, né per amore né per paura

Da qualsiasi altra parte,

Da signore o da compagno, chiunque sia:

Da costoro non accettare alcun compenso.

E, come un giudice, sta’ agli impegni

E allora farai il giusto per entrambi.

Fa questo sinceramente dovunque tu vada

E il tuo merito, il tuo profitto sarà migliore.

 

SECONDO ARTICOLO

Il secondo articolo di buona muratoria

Deve udirsi specialmente qui:

Che ogni maestro, che sia un muratore,

Deve essere alla corporazione generale,

Naturalmente, se è stato informato

Dove sarà tenuta questa assemblea.

A tale assemblea deve andare

Salvo che non abbia una ragionevole giustificazione.

Altrimenti egli vuole offendere la corporazione

0 vuole comportarsi con falsità,

Oppure è gravemente ammalato

Da non poter andare in mezzo a loro.

Questa è una giustificazione valida

Per quella assemblea, senza frottole.

 

TERZO ARTICOLO

Il terzo articolo dice in verità

Che il maestro non assume apprendista

Senza aver l’assicurazione che si fermi

Sette anni con lui, così vi dico,

Per insegnargli la sua arte, quello che serve.

In minor tempo quegli non potrà imparare

A beneficio del suo signore né suo proprio,

Come potete sapere a buona ragione.

 

QUARTO ARTICOLO

Il quarto articolo deve essere quello

Che il maestro deve tenere per sé.

Che egli non deve tener schiavo l’apprendista

Né trattarlo con avarizia

Poiché il signore al quale è legato

Può cercare l’apprendista dovunque egli vada.

Se è stato preso nella loggia,

Egli può farvi molto danno

E in tal caso può accadere

Che faccia danno a qualcuno o a tutti.

Perciò tutti i Muratori che sono là

Stiano insieme in piena fratellanza.

Se una tale persona fosse nell’arte

Possono capitare vari inconvenienti;

Per miglior agio quindi, onestamente,

Assumi un apprendista di condizione elevata.

Dai tempi antichi si trova scritto

Che l’apprendista deve essere di nobile stato;

E così talvolta il sangue di grandi signori

Apprese tale geometria, il che è molto bene.

 

QUINTO ARTICOLO

Il quinto articolo è molto giusto.

Posto che l’apprendista sia di nascita legittima,

Il maestro non accoglierà a nessun prezzo

Un apprendista che sia deforme:

Ciò significa, come puoi udire,

Che avrà le sue membra tutte intere;

Per l’arte sarebbe grande scorno

Prendere uno zoppo e uno storpio.

Perciò un uomo imperfetto, di tale razza,

Porterebbe poco di buono all’arte.

Così ciascuno di voi deve sapere

Che l’arte vuole avere un uomo forte;

Un uomo mutilato non ha forza,

Dovete saperlo fin d’ora.

 

SESTO ARTICOLO

Il sesto articolo non va tralasciato:

Che il maestro non rechi pregiudizio al signore,

Nel prendere da questi, per il suo apprendista,

Anche quanto è in ogni caso dovuto ai compagni.

A quelli che sono nell’arte già perfetti

Questo non deve essere, anche se parrebbe di sì.

Anche se vi fossero buone ragioni

Che percepisse il salario come i suoi compagni,

Questo stesso articolo, in tal caso,

Giudica che l’apprendista

Prenda meno dei compagni che sono perfetti.

In vari casi può occorrere

Che il maestro possa istruire l’apprendista

Onde il suo salario possa aumentare presto

E, prima che il termine giunga a compiersi,

Il suo salario possa venire migliorato.

 

SETTIMO ARTICOLO

Il settimo articolo che è qui ora

Dirà chiaramente a voi tutti

Che nessun maestro, per favore o per timore,

Può rubare ad alcuno abito o cibo.

Né dare rifugio ad alcun ladro

Né a chi abbia ucciso un uomo,

Né a chi abbia cattiva fama,

Per timore di esporre l’arte al biasimo.

 

OTTAVO ARTICOLO

Vi mostra così l’ottavo articolo

Che il maestro può far bene così:

Se ha qualche operaio

Che non sia perfetto come bisogna,

Egli può cambiarlo sollecitamente

E prendere al suo posto un uomo migliore.

Un tale uomo, per negligenza,

Potrebbe nuocere alla riputazione dell’arte.

 

NONO ARTICOLO

Il nono articolo mostra appieno

Che il maestro dev’essere saggio e forte.

Che non può intraprendere alcun lavoro

Se non è in grado di farlo e condurlo a termine.

E che esso sia anche utile ai signori

E alla sua arte, dovunque vada,

E che le fondamenta siano ben preparate

Perché non si fenda e non crolli.

 

DECIMO ARTICOLO

Bisogna conoscere il decimo articolo,

Nell’arte, in alto e in basso.

Che non ci sia maestro che soppianti l’altro

Ma stiano insieme come fratello e sorella.

In questa zelante arte, tutti e ciascuno,

Chi vuole essere un maestro muratore

Non soppianti nessun altro.

Che avendogli sottratto un lavoro,

Il suo dolore è così forte

Che non pesa meno di dieci libbre,

Se non è trovato colpevole

Di aver con mano per primo toccato il lavoro.

Per nessuno in muratoria

Si soppianterà, di certo, un altro.

Ma se il lavoro è fatto in modo

Che possa a sua volta rovinare,

Allora un muratore può chiedere tale lavoro

Ai signori, per tutelare il loro interesse.

A meno che non capiti un tale caso,

Nessun Muratore vi si deve immischiare.

Veramente colui che comincia le fondamenta,

Se è un muratore buono e integro,

Ha di certo nella sua mente

Come portare a buon fine il lavoro.

 

UNDICESIMO ARTICOLO

L’articolo undicesimo, io ti dico

Che è insieme leale e franco

Poiché insegna, con la sua forza,

Che nessun muratore deve lavorare di notte

Se non sia a conoscenza

Che ciò sia a vantaggio del lavoro.

 

DODICESIMO ARTICOLO

Il dodicesimo articolo è di alta probità:

Ogni muratore, dovunque sia,

Non deve corrompere i suoi compagni di lavoro.

Se vuol salvare la propria onestà

Li comanderà con parole oneste,

Con l’ingegno che Dio gli ha dato.

Invece devi migliorarlo come puoi

Fra voi insieme senza contesa.

 

TREDICESIMO ARTICOLO

Il tredicesimo articolo, così Dio mi salvi,

È che se il maestro ha un apprendista

Cui egli ha insegnato tutto

E gli ha spiegato gradualmente i vari punti

Così che questo sia capace di conoscere l’arte,

Dovunque possa andare sotto il sole.

 

QUATTORDICESIMO ARTICOLO

Il quattordicesimo articolo, a buona ragione

Mostra al maestro quel che deve fare:

Egli non deve accogliere un apprendista

Se non prendendo varie cautele

Che quegli possa, nel suo termine,

Apprendere da lui le diverse parti.

 

QUINDICESIMO ARTICOLO

Il quindicesimo articolo pone un termine

Ed è un amico per il maestro

Per insegnargli che con nessuno

Egli si può condurre scorrettamente,

Né mantenere i suoi compagni nel loro peccato,

Per alcun interesse che gli potesse venire.

Non accetterà di fare falso giuramento

Per tema della salvezza della sua anima.

Se no, esporrebbe l’arte alla vergogna

E se stesso al biasimo.

 

ALTRE COSTITUZIONI

A questa assemblea furono stabiliti dei punti,

Dai grandi signori ed anche dai maestri,

Che chiunque volesse apprendere quest’arte e appartenervi

Doveva amare Dio e la santa chiesa

Ed anche il maestro col quale sta,

Dovunque egli vada, in campagna o nel bosco.

E devi amare anche i tuoi compagni

Poiché questo la tua arte desidera da te.

 

PUNTO SECONDO

Il secondo punto è, come vi dico,

Che il muratore lavori durante la sua giornata

Veramente, per quanto sa e può

In modo da meritare il suo riposo per la festa

Ed operi seriamente nel suo lavoro

Onde meriti la sua mercede.

 

PUNTO TERZO

Il terzo punto deve essere ben conosciuto

Fra gli apprendisti rispettivamente:

Che il consiglio del maestro deve accettare e tenere,

E quello dei compagni, con buon proposito.

Non dirà a nessuno i segreti della camera,

Né qualsiasi cosa essi facciano nella loggia.

Qualunque cosa tu ascolti o veda fare

Non devi dirla a nessuno, dovunque andrai.

Il consiglio del vestibolo e quello del loggiato

Vi renderà, per questo, grande onore.

Il contrario vi porterebbe al biasimo

Ed arrecherebbe grande vergogna all’arte.

 

PUNTO QUARTO

Il quarto punto ci insegna anche

Che nessuno deve essere falso verso la sua arte.

Non deve perseverare nell’errore

Contro l’arte, ma evitarlo.

Non farà egli pregiudizio

Al suo maestro né ai suoi compagni.

E sebbene l’apprendista sia posto al di sotto

Anch’egli deve avere la stessa legge.

 

PUNTO QUINTO

Il quinto punto, innegabilmente è

Che quando il muratore prende la paga

Stabilita dal suo maestro,

Egli deve prenderla docilmente.

Tuttavia il maestro può, per fondata ragione,

Avvertirlo formalmente prima di mezzogiorno

Se non intende occuparlo più oltre

Come ha fatto fin qui.

Contro tale ordine non può contendere

Se (il maestro) pensa di avere migliore successo.

 

PUNTO SESTO

Il sesto punto deve essere fatto conoscere

Sia in alto che in basso.

Nel caso dovessero accadere

Fra i muratori, alcuni o tutti,

Per invidia od odio implacabile,

Che nascano spesso grandi contese,

Allora il muratore è obbligato, se possibile,

A, destinare un certo giorno per la composizione.

Ma essi non procederanno a tale rito

Finché la giornata lavorativa non sarà trascorsa.

Durante un giorno festivo potrete facilmente

Trovare il tempo per la composizione.

Se fosse fatto durante la giornata di lavoro

Il lavoro sarebbe dilazionato per tale questione.

Assegna loro, quindi, un tale termine

Cosicché vivano bene nella legge di Dio,

 

PUNTO SETTIMO

Il settimo punto può bene significare

Che Dio ci ricompenserà per una vita buona.

A questo scopo descrive chiaramente

Che non dovrai giacere con la moglie del tuo maestro

Né con quella del tuo compagno, in nessun modo,

Altrimenti l’arte ti disprezzerà;

Né con la concubina del tuo compagno,

Come tu non vorresti che egli facesse con la tua.

La pena per questo sia severa:

Che rimanga apprendista per sette anni interi,

Se incorre in un caso di questi.

Quegli allora deve essere punito;

Molti guai potrebbero avere principio

Da un tal peccato mortale.

 

PUNTO OTTAVO

Il punto ottavo, si può essere certi,

Se hai preso ogni cura

Di essere sincero verso il tuo maestro

Per questo punto non sarai dispiaciuto.

Devi essere un sincero mediatore

Fra il tuo maestro e i tuoi compagni liberi;

Fa lealmente tutto ciò che puoi

Ad ambo le parti e ciò è molto bene.

 

PUNTO NONO

Il nono punto ci chiama

Ad essere attendenti del nostro alloggio.

Se vi trovate in camera insieme,

Ciascuno deve servire l’altro con cortesia.

Rende i compagni cortesi, come voi dovete sapere

Fare tutti l’attendente [‘steward’] a turno,

Settimana dopo settimana. Senza dubbio,

L’attendente conviene farlo a turno;

Amabilmente servirsi l’un l’altro

Come si pensa per fratello e sorella.

Nessuno dovrà lasciare l’onere a un altro

Per rendersi libero senza corrispettivo

Ma ognuno sarà ugualmente libero.

Di tale corrispettivo, così deve essere,

Fai attenzione di pagare sempre bene ogni uomo

Dal quale tu abbia comprato dei viveri:

Che nessuna accusa sia possibile fare a te

Né ai tuoi compagni di ogni grado

Ogni uomo o donna, chiunque sia,

Pagalo bene e giusto, per quello che offre.

Di questo ricevi per il tuo compagno valida ricevuta

Per il pagamento che gli hai fatto,

Per timore che ciò provochi rimprovero dei compagni,

E a te stesso parti di grande biasimo.

Quanto a lui, deve fare buoni rendiconti,

Delle merci che egli ha preso.

Di quello dei tuoi compagni che hai consumato

Dove, come e a qual fine.

Tali conti devi venirli a fare

Ogni volta che i tuoi compagni lo richiedano.

 

PUNTO DECIMO

Il decimo punto presenta la buona vita

Il vivere senza affanno e contesa.

Perciò se il muratore vive in modo ingiusto

Ed è falso nel lavoro, certamente

Per tali false abitudini

Può diffamare ingiustamente i propri compagni.

Mediante frequenti false accuse

Può far sì che l’arte ne abbia biasimo.

Se egli farà tale villania all’arte

Certamente non gioverà poi a se stesso

Né lo si manterrà nella sua vita malvagia

Temendo che si metta a diffamare e contrastare.

Pertanto, non dovete ritardare,

Ma dovete costringerlo

A presentarsi dove crederete.

Dove tu desideri, forte o piano.

Lo richiamerai alla prossima assemblea

A presentarsi davanti ai suoi compagni

E se non vorrà comparire davanti a loro

Deve giurare di rinunziare all’arte,

Poi sarà punito secondo la legge

Che fu fondata in giorni lontani.

 

PUNTO UNDICESIMO

L’undicesimo punto è della buona discrezione

Come potete sapere con buona ragione.

Un muratore che conosce bene quest’arte

E veda il suo compagno alzare una pietra

E posarla in pericolo di rovinare

Dovrà correggerlo, se può,

E poi insegnargli a fissarla

In modo che l’opera commissionata non rovini.

Devi però insegnargli gentilmente a perfezionarsi,

Con parole buone, che Dio ci ha dato;

Per il suo amore che sta in alto

Il tuo amore lo nutra con dolci parole.

 

PUNTO DODICESIMO

Il dodicesimo punto è di grande sovranità:

Laddove sarà tenuta l’assemblea,

Là si troveranno i maestri ed anche i compagni

E molti altri grandi signori.

Vi sarà lo sceriffo di quel paese

Ed anche il sindaco del posto;

Ci saranno cavalieri e gentiluomini

Ed altri notabili, come potrai vedere.

I decreti che essi faranno

Li manterranno tutti insieme

Verso ciascun uomo, chiunque egli sia,

Che appartenga all’arte buona e libera.

Se egli entrerà in contrasto con essa

Sarà preso in loro custodia.

 

PUNTO TREDICESIMO

Il tredicesimo punto ci è molto caro.

Egli farà giuramento di non essere ladro

Né di aiutare alcuno nelle sue male arti.

Per qualsiasi cosa che egli abbia rubata

E tu ne abbia notizia o colpa,

Né per la sua roba né per la sua famiglia.

 

PUNTO QUATTORDICESIMO

Il quattordicesimo punto contiene una buona legge

Per chi sia in soggezione.

Egli deve prestare un sincero giuramento

Al suo maestro e ai suoi compagni che sono lì.

Egli deve essere risoluto ed anche sincero

A tutte queste ordinanze, dovunque egli vada;

E al suo sovrano signore il re,

Di essere sincero verso di lui soprattutto.

E a tutti questi punti detti prima

È obbligato a prestare giuramento.

E tutti devono pronunciare lo stesso obbligo

Dei muratori, piaccia loro o meno,

A tutti questi punti detti prima

Che sono stati ordinati da un buon maestro.

Ed essi indagheranno, ciascuno

Dalla propria parte, meglio che potranno.

Se qualcuno può essere trovato colpevole

In qualche punto particolare.

E, se lo è, sia cercato

E sia portato davanti all’assemblea.

 

PUNTO QUINDICESIMO

Il quindicesimo punto è di ottima istruzione

Per coloro che là hanno giurato.

Tale decreto fu posto all’assemblea

Dai citati grandi signori e maestri,

Per quelli che sono disobbedienti, con certezza,

Contro il decreto esistente

Di questi articoli che furono fatti là

Dai grandi signori e muratori insieme.

E se sarà pubblicamente provato

Davanti all’assemblea, all’istante,

E non faranno ammenda della loro colpa,

Allora dovranno abbandonare l’arte

E così la corporazione dei muratori li rifiuterà

E promette solennemente di non assumerli più.

A meno che essi non facciano ammenda,

Non potranno più essere ammessi all’arte.

E se non faranno così

Lo sceriffo verrà da loro

E porterà i loro corpi in buie prigioni,

Per le violazioni che essi hanno compiuto.

E porrà i loro beni e la loro vita

Nelle mani del re, dovunque,

E li lasceranno stare là

Fin che piaccia al sovrano nostro re di liberarli.

 

ALTRO DECRETO DELL’ARTE DELLA GEOMETRIA

Essi ordinarono che si tenesse un’assemblea

Ogni anno, laddove essi volevano,

Per correggere i difetti che capitasse di scoprire

Nella corporazione del paese.

Veniva tenuta ogni uno o tre anni

Sempre nel punto che preferivano;

Tempo e luogo doveva essere indicato

Perché avesse luogo il raduno.

Tutti gli uomini dell’arte dovevano trovarsi là

Con altri grandi signori, come dovete vedere,

Per correggere gli errori di cui si doveva parlare,

Se qualcuno di loro era stato scorretto.

Là, tutti dovevano prestare giuramento,

Tutti gli appartenenti a quest’arte,

Di accettare ciascuno questi statuti

Che furono ordinati dal re Atelstano.

Questi statuti che ho qui fondato

Voglio che siano mantenuti in tutto il mio paese

In nome della mia regalità

Che ho per mia dignità.

Comando anche che ad ogni assemblea che terrete

Veniate al vostro coraggioso, sovrano re,

Supplicandolo della sua alta grazia

Di stare con voi in ogni luogo

Per confermare gli statuti di re Atelstano

Che ha ordinato quest’arte per buona ragione.

 

ARTE DEI QUATTRO CORONATI

Preghiamo ora l’altissimo Iddio

E sua madre, la lucente Maria

Affinché possiamo apprendere bene questi articoli

E questi punti, tutti insieme

Come fecero questi quattro santi martiri

Che dettero grande onore a quest’arte,

Che furono così buoni muratori come non ce ne saranno sulla terra.

Essi furono anche incisori e scultori di immagini

Perché erano artigiani dei migliori.

L’imperatore aveva grande predilezione per loro;

Egli desiderò che gli facessero una effigie

Che fosse venerata per amor suo.

Tali idoli dovevano in quel tempo

Distogliere il popolo dalla legge di Cristo.

Ma essi furono fermi nella legge di Cristo

E a quest’arte, senza dubbio.

Amavano Dio e tutti i suoi precetti

E volevano sempre più servirlo.

Uomini veri erano in quel tempo

E vivevano felici nella legge di Dio,

Essi non potevano concepire di fare degli idoli,

Per qualsiasi ricompensa potessero ricevere,

0 credere negli idoli invece che in Dio.

Non avrebbero fatto questo, anche se egli si infuriava

Perché non avrebbero abbandonato la vera fede

E creduto alla sua falsa legge.

Allora l’imperatore li fece prendere

E mettere in una profonda prigione.

La cosa più triste fu l’essere puniti in quel posto

La cosa più gioiosa fu l’essere in grazia di Cristo.

Allorché non vide altra via

Li condannò a morte.

Dal libro si può conoscere

Nella leggenda dei santi

Il nome dei quattro coronati.

La loro festa, senza dubbio, sarà

L’ottavo giorno dopo Ognissanti.

Potete udire così come io ho letto

Che molti anni dopo, per un grande dubbio

Quando il diluvio di Noè fu completamente cessato

Ebbe inizio la torre di Babilonia,

Secondo un piano di lavoro di calce e pietra,

Come ognuno poteva vederla allora

Cosi lunga e larga era stata cominciata:

Per sette miglia di altezza oscurava il sole.

L’aveva fatta il re Nabucodonosor,

Di grande solidità per amore degli uomini.

In modo che se ancora fosse venuto un altro diluvio

Non avrebbe sommerso l’opera;

Per un così forte orgoglio, per tale vanteria,

Tutta quell’opera fu cosi perduta.

Un angelo colpì con la diversità delle favelle,

Cosi l’uno non comprendeva ciò che diceva l’altro.

Molti anni dopo, il grande dotto Euclide

Insegnò l’arte della geometria, molto profondo e chiaro.

Fece altrettanto con altri (soggetti) nello stesso tempo

Di molte altre diverse arti.

Per la suprema grazia di Cristo in cielo

Cominciò con le sette scienze:

La Grammatica è indubbiamente la prima scienza.

La Dialettica la seconda, mi piace dirlo.

La Retorica la terza, non si può negarlo.

La Musica è la quarta, come vi dico.

L’Astronomia è la quinta, a mio fiuto,

L’Aritmetica la sesta, senza alcun dubbio.

La Geometria, la settima, chiude l’elenco.

Per la sua umiltà e cortesia

La Grammatica in verità è la radice

Per cui chiunque potrà apprendere dai libri.

Ma l’arte la supera di grado

Come sempre il frutto proviene dalla radice dell’albero.

La Retorica misura con espressione ornata il ritmo

E la Musica è un dolce canto,

L’Astronomia enumera, mio caro fratello,

L’Aritmetica fa vedere che una cosa è un’altra.

La Geometria è la settima scienza

Che può separare con certezza il falso dal vero.

Queste sono le sette scienze.

Chiunque le adoperi bene può avere il cielo.

Ora, cari figli, con la vostra conoscenza

Lasciate da parte la superbia e la cupidigia

E curate la buona discrezione

E la buona educazione, dovunque andiate.

Ora, vi prego di badare bene

A quanto sembrate abbisognare di più

Ma dovreste conoscere molto di più

Di quello che trovate scritto qui.

Se la vostra conoscenza è insufficiente,

Pregate Dio di farvela avere

Poiché Cristo stesso ci insegna

Che la Santa Chiesa è la casa di Dio

Che non è fatta per nessun altro scopo

Se non per pregarvi, come dice il Libro.

Là dentro la gente si riunirà

Per pregare e piangere i propri peccati.

Bada di non venire tardi in chiesa

A causa di scherzi lungo la via.

Quando poi vai in chiesa

Abbi in mente sempre di più

Di onorare di e notte il signore Dio tuo,

Con tutto il tuo intelletto e anche col tuo cuore.

Quando vieni alla porta della Chiesa

Prendi dell’acqua santa.

Per ogni goccia che tu prenderai

Estinguerai un peccato veniale, siine certo.

Ma prima devi tirar giù il tuo cappuccio

Per l’amore di Lui che è morto in croce.

Quando entri in chiesa

Offri il tuo cuore, subito, a Cristo.

Quindi guarda la croce lassù.

Poi piegati del tutto sulle ginocchia

Quindi pregalo di poter operare

Secondo la legge della santa chiesa,

Per seguire i dieci comandamenti

Che Dio ha dato a tutti gli uomini.

E pregalo sottovoce

Di tenerti lontano dai sette peccati

Per cui tu possa, durante la vita,

Preservarti dalle angosce e dalle lotte.

Inoltre, Egli ti assicuri la grazia

Di avere un posto nella beatitudine celeste.

Nella santa chiesa non usare parole sciocche

Proprie degli ignoranti, e parole sconce,

E respingi ogni vanità

Ma recita il pater noster e l’ave Maria.

Guarda anche di non fare alcun rumore

Ma rimani sempre in preghiera;

Se non vuoi pregare,

In nessun modo non impedirlo agli altri.

Non sederti né stai in piedi in quel posto

Ma inginocchiati per terra

E, quando si leggerà il Vangelo,

Alzati completamente lontano dalla parete

E benedici tu stesso se lo sai fare,

Quando comincerà il gloria tibi.

E quando il Vangelo è compiuto

Tu potrai inginocchiarti ancora,

Giù su entrambi i ginocchi,

Per il suo amore che ci fa tutti inchinare.

E quando senti suonare le campane

A quel santo sacramento

Tu devi inginocchiarti, giovane o vecchio che tu sia

E alza completamente entrambe le mani

E quindi parla in questo modo

Piamente e sommessamente, senza rumore:

"Signore Gesù, sii tu benvenuto

Come io ti vedo, in forma di pane.

Ora, Gesù, nel tuo santo nome

Difendimi dal peccato e dalla vergogna

Concedimi l’assoluzione e la santa eucaristia

Prima che esca di qui,

E tanto pentimento dei miei peccati

Che mai più, signore, io vi ricada.

E, come tu sei nato dalla Vergine,

Non permettere che io mi perda più

Ma, quando andrò via di qui,

Concedimi la infinita beatitudine.

Amen! Amen! Così sia!

Ora, dolce signora, prega per me".

Simili parole potrai dire, od altre cose,

Quando ti inginocchi al sacramento

Desiderando il bene. Non risparmiare niente

Per onorare colui che tutto ha operato.

Un uomo può essere felice per il giorno

Che almeno una volta può vedere Lui.

È di così grande valore, senza dubbio,

Che nessuno potrà dire la virtù di ciò.

Ma quella vista dà tali frutti,

Come dice giustamente S. Agostino,

Che il giorno che vedrai il corpo di Dio

Due o tre volte, senza dubbio

Dovrai prestare obbedienza a quel signore.

Fallo col tuo ginocchio destro

In tal modo porterai rispetto a te stesso

Così, togliti berretto o cappuccio

Finché ti si dica di rimetterlo.

Tutte le volte che parli con lui

Amabilmente e con rispetto tieni alto il mento.

Cosi, secondo il senso del libro,

Potrai guardarlo bene in viso.

Tieni tranquilli i piedi e le mani:

Trattienti dal grattarti e dallo strascicare.

Guardati pure dallo sputare e dal pulirti il naso.

Per queste occorrenze personali

Sii saggio e discreto.

Devi aver gran cura di dominare le emozioni.

Quando entri nel vestibolo

In mezzo alla distinzione, la benevolenza e le cortesie,

Non presumerti troppo in alto per alcun motivo,

Né per la tua nascita, né per la tua abilità.

Non sederti né appoggiarti.

Questo è il modo saggio e pulito di condurti.

E se non si allenterà il tuo sostegno

Veramente la buona educazione preserverà la tua dignità,

Se il padre e la madre si condurranno bene

Il figlio non potrà che crescere bene.

Nel vestibolo, in camera, dovunque si vada

Le buone maniere fanno l’uomo.

Guarda attentamente il prossimo grado

Per trattare con riguardo ciascuno singolarmente.

Non salutarli quando sono in gruppo,

A meno che tu non li conosca.

Quando ti siedi a mangiare,

Fallo in modo piacevole e simpatico:

Prima guarda che le tue mani siano pulite

E che il tuo coltello sia affilato e aguzzo

E taglia il tuo pane e il tuo cibo

Nel modo conveniente in quel posto.

Se siedi vicino a un uomo

Più importante di te,

Lascialo prendere la carne

Prima di prenderla tu.

Non prendere il boccone migliore

Anche se lo vorresti;

Tieni le mani composte ed evita

Di pulirle insudiciando la tovaglia.

Non pulirti il naso con quella

Né stuzzicare i denti a tavola.

Non chinar troppo il viso nella coppa

Quando desideri di bere.

Se gli occhi fossero troppo vicini all’acqua

Questo non sarebbe cortese.

Bada di non avere cibi in bocca,

Quando stai per bere o per parlare.

Quando vedi che qualcuno sta bevendo,

Fai attenzione al discorso:

Smetti subito di parlare

Se egli beve vino o birra.

Guarda pure di non disprezzare nessuno

In qualsiasi grado lo veda salire.

Non devi disprezzare nessuno

Se vuoi rispettata la tua dignità:

Per tali parole può risultare

Di essere triste nel sentirti colpevole:

Stringi la tua mano a pugno

E fa di non dover dire "l’avessi saputo!".

In sala, fra signore brillanti,

Frena la lingua e impiega lo sguardo.

Non ridere a crepapelle,

Non scherzare con licenziosità,

Non giocare se non con i tuoi pari,

Non dire tutto ciò che ascolti,

Non parlare dei fatti tuoi,

Né per gusto né per interesse.

Parlando bene puoi ottenere quello che vuoi,

Come puoi distruggerti.

Quando incontri un uomo rispettabile

Togliti il cappello o il cappuccio,

In chiesa, al mercato o in strada.

Onoralo secondo il suo stato.

Se cammini con uno più importante

Di quanto lo sia tu,

Tienti un po’ dietro di lui,

Per non mancargli di riguardo.

Quando egli parla, taci,

Quando avrà finito parlerai tu.

Sii efficace nei tuoi discorsi

E considera bene ciò che dici.

Ma non togliergli la parola

Né al vino né alla birra.

Allora Cristo nella sua grazia

Ti darà spirito e spazio

Per conoscere e leggere questo buon libro

Onde guadagnarvi il cielo.

Amen! Amen! Così sia!

Diciamo così tutti con carità.