CHI PUO' DIVENIRE MASSONE

Tutti gli uomini che abbiano compiuto i ventuno anni (diciotto se figli di Massoni) e siano “liberi e di buoni costumi” possono entrare in una Loggia massonica.

Ciò significa essere liberi da pregiudizi, da rigidi schemi mentali, da legami ideologici, politici o simili che impediscano di aprire la mente ed il cuore alla ricerca della verità ed al rispetto per gli altri.  Essere di buoni costumi vuol dire essere moralmente irreprensibili, godere di comprovata buona reputazione in ogni campo, e naturalmente non avere carichi pendenti con la Giustizia profana. Il che è indispensabile per chi si propone la ricerca della verità, il miglioramento di se stessi,  il bene e il progresso dell’umanità.

Non esistono criteri di esclusione, né di razza o di religione, appartenenza politica, origine sociale, nazionalità, occupazione, o di età.

Chi si identifica con le idee sociali e filosofiche della Massoneria è il benvenuto: cristiani, ebrei, musulmani, buddisti, seguaci del confucianesimo, cattolici romani, protestanti, seguaci della fede ortodossa, sunniti, sciiti, aleviti, Ba'hai, ecc.; lavoratori, agricoltori, amministratori delegati, dirigenti, dipendenti, artigiani, professori, insegnanti e studenti, proletari e nobili; i bianchi, i neri, gli asiatici, le persone di razza mista, ecc.; tedeschi, turchi, francesi, polacchi, inglesi, italiani, croati, serbi, greci, russi, americani, cinesi, giapponesi, africani, arabi, ecc.; vecchi e giovani ....

Noi tutti siamo esseri umani e dobbiamo cooperare, rispettare l'un l'altro ed imparare gli uni dagli altri.

In Massoneria non ci si iscrive come in una qualsiasi associazione, ma si viene cooptati: in altre parole si viene scelti dall’interno di una Loggia. Quando un Massone riconosce in qualcuno le caratteristiche basilari,  può proporgli l’ingresso in Massoneria badando bene a non forzarne la decisione. Ciò non toglie che questa antica regola soffra limitazioni dovute all’andare dei Tempi: se qualcuno, interessato alla Massoneria, ha un parente, amico o collega che conosce personalmente come Massone,  può rivolgersi a lui direttamente e chiedergli di essere presentato come “bussante” (simbolicamente, alla porta del Tempio); la tecnologia ha poi fatto il resto, estendendo ulteriormente l’accesso ai contatti web. Ciò impone che il bussante, in qualunque modo si sia presentato alla porta del Tempio, deve essere sottoposto ad un’attenta analisi dei requisiti richiesti dall’iniziazione (deve cioè essere “tegolato” attentamente).

Dal punto di vista economico viene richiesta una quota iniziale dopo l’approvazione dell’ammissione alla Loggia.  Si tratta di una cifra variabile, a seconda dell’Istituzione e della Loggia, ma assolutamente  non elevata.  Successivamente, sono previste quote annue anch’esse di importo variabile ma normalmente sostenibile. 

 

Iniziazione al grado di Apprendista
Iniziazione al grado di Apprendista
Iniziazione al grado di Maestro
Iniziazione al grado di Maestro